Manifestazione Ncc e Turismo a Roma

Il trasporto pubblico non di linea e comparto turistico si uniscono nella protesta

FAI Trasporto Persone – Federnoleggio/Confesercenti, FederNCC/Confcommercio Roma, LLP, Comitato Sindacale NCC Fiumicino. FION . Uniti Per L'ltalia

promuovono 

Manifestazione per il  26 giugno 
ore 10.00 ROMA, Piazza del Popolo 

 

L'epidemia dovuta al Covid 19 ha fatto riemergere una sorta di bipolarismo che affligge l'ltalia ormai da decenni. Da un lato categorie di imprese e lavoratori  protetti al punto  da non subire alcun contraccolpo economico grazie ai contributi statali, dall'altra migliaia di imprese e lavoratori lasciati senza alcun sostegno specifico. Tra queste ultime ci sono sicuramente le imprese del Trasporto Pubblico non di Linea- bus da turismo , vetture e natanti a noleggio con conducente (NCC)-  e quelle del comparto turistico che, ancora una volta, dopo la manifestazione in 15 città italiane, del 3 giugno e quella di Milano del 17, che hanno raccolto complessivamente oltre 15 000 persone, tornano in piazza, questa volta a Roma in Piazza del Popolo, per reclamare il diritto alla sopravvivenza . I promotori della manifestazione, pur nelle loro differenze, operano spesso in collegamento tra di loro e soffrono tutti principalmente dello stesso male: “l’assenza di un mercato di viaggiatori ,tutto da ricostruire e la contestuale indifferenza delle istituzioni verso questa emergenza che rischia di cancellare per molti anni, qualcosa come il 15% del Pil nazionale”.

 

Per questa totale indifferenza da parte delle istituzioni in piazza del Popolo, la piazza del POPOLO , imprese e dipendenti della filiera dei trasporti turistici e le imprese turistiche , si presenteranno all'appuntamento romano con poche ma concrete richieste comuni:

 

1) Contributi a fondo perduto specifici per le categorie, non già per garantirne i fatturati come fatto con altri, ma solo per resistere fino alla ripresa;

 

 2) fino a marzo 2021 sospensione di imposte e tasse, statali e locali, nonché dei leasing, affitti commerciali e tutto quanto normalmente viene corrisposto grazie ad un fatturato oggi assente.

 

3) prolungamento degli ammortizzatori sociali vari almeno fino alla fine dell'emergenza includendo i lavoratori autonomi del turismo a partita iva e/o a prestazione occasionale;

 

4) incentivare la mobilità turistica e ricettiva, rimuovendo all’uopo, gli ostacoli in ordine alle presenze per Musei e siti archeologici, consentendo le visite guidate e intervenire con un provvedimento ad hoc , presso gli enti locali, per rimuovere , al fine di incentivare la ripresa , i ticket Bus per le città d’arte e Ie tasse di soggiorno in ogni città.

 

 

Oltre ai promotori, alla Manifestazione aderiscono:

Federalberghi Roma, Fiavet Lazio, SNGT, Assoviaggi Roma e Lazio, Federagit Roma e Lazio,  Ass. Campania NCC (ACNCC), Ass.Bus Turistici 2020 ( ABT),

 

E’ giunto il momento che le istituzioni collaborino tra di loro ad un unico progetto, una visione di un Paese che metta la mobilità ed il turismo tra i pilastri necessari alla ripresa, fin qui, concetto espresso solo nelle intenzioni. Se tale concetto fosse stato applicato ad oggi, avremmo avuto un'indennità che teneva conto della stagionalità e non solo del fatturato di aprile. Vogliamo dare il nostro contributo, mettere a disposizione il nostro know how, ma per far questo, occorre mettere in sicurezza le nostre aziende e le centinaia di migliaia di posti di lavoro che dipendono da noi. Per questo torniamo in piazza e lo faremo fino a quando non vedremo aiuti.

Documenti Allegati